La nuova letteratura nascosta dietro le dediche nelle tesi di laurea

Si scoprono amicizia, famiglia, fatica. E il profumo di parole costituzionali: uguaglianza, istruzione, promozione sociale
La nuova letteratura nascosta dietro le dediche nelle tesi di laurea

In alto i calici! Forse i critici non lo sanno, ma sta fiorendo un nuovo genere letterario: passionale, fantasioso, rivelatore. Sono i ringraziamenti nelle tesi di laurea. “Che vita ho avuto? Chi mi ha portato fin qui?”, sembrano chiedersi gli studenti quando arrivano al traguardo. Così è sorto un capitolo obbligatorio a parte, i “Ringraziamenti”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.