La morte di Reichlin, tra le “macerie” della sinistra italiana

1925-2017 - Partigiano, togliattiano e ingraiano nel Pci è stato il comunista della parola. Il 4 dicembre votò “No”
La morte di Reichlin, tra le “macerie” della sinistra italiana

Il comunista delle parole, nel senso della complessità e della profondità del pensiero. Alfredo Reichlin è morto l’altra notte a 91 anni e appena una settimana fa, sul sito NuovAtlantide, aveva pubblicato un articolo che letto adesso, come ha detto ieri Massimo D’Alema, suona come il suo testamento. Pessimismo ma ancora tanta passione e voglia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.