La morale dello scienziato applicata alla democrazia

La morale dello scienziato applicata alla democrazia

È la primavera del 1987, qualche settimana prima del suicidio. L’intervistatore della Rai è nello studio di Levi e gli sta facendo domande a tutto campo sui massimi sistemi (capitava a quasi tutti quello che lo intervistavano). Levi risponde con cortesia e pazienza. A un certo punto il giornalista chiede: “Levi, lei crede ancora in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.