La mission impossible di Obama parabola d’un presidente normale

Il primo mandato nel 2009 Il Paese che lascia è più ricco, equo e meno bellico: ma per i neri poco è cambiato
La mission impossible di Obama parabola d’un presidente normale

Gli Stati Uniti che Barack Obama s’appresta ad affidare al suo successore sono più ricchi e meno bellicosi, rispetto a quelli che lui ereditò, nel gennaio del 2009, da George W. Bush; e hanno pure esplorato una nuova frontiera dei diritti civili. Ma sono anche un Paese più diviso e tentato, com’è ricorrente nella storia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.