La ministra è ignorante o in malafede: almeno ora dovrebbe scusarsi

I “livelli essenziali di assistenza” (Lea), cioè standard di cura nazionali, esistono dal 2003
La ministra è ignorante o in malafede: almeno ora dovrebbe scusarsi

Solo ieri ci è capitato di ascoltare, con un certo sbigottimento, le dichiarazioni della ministra Boschi che, qualche giorno fa su Raiuno, decantava le “magnifiche sorti e progressive” che recherà all’Itala la modifica costituzionale sulla quale si terrà il referendum del 4 dicembre. Durante Unomattina, la suddetta ministra se n’è uscita con le seguenti parole: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.