La matura Neneh non rinuncia alla politica

Un album cantautorale con temi come aborto e razzismo e tanta nostalgia “trip hop”
La matura Neneh non rinuncia alla politica

In Fallen Leaves, brano che apre il nuovo album di Neneh Cherry, il cantato ricorda singolarmente quello di Joni Mitchell. Suggestione accentuata ancora di più dalla spoglia struttura voce e piano di Synchronized Devotion. Una fugace impressione, niente di più: troppo distanti per storia, attitudine e contesto musicale le due figure. Eppure il carisma e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.