La mamma, la tata e la morte: “Due donne in lotta di classe”

L’autrice di “Ninna Nanna”: “Ho deciso di raccontare un’angoscia di cui non si osa neanche parlare, figuriamoci scriverne”
La mamma, la tata e la morte: “Due donne in lotta di classe”

“Li ho lasciati a mia madre”. Ride Leila Slimani, autrice di Ninna Nanna mentre risponde alla domanda: “Dove ha lasciato i suoi figli?”. Sì, perché il quesito è secco ma niente affatto inopportuno. Almeno non per chi conosce la storia del suo romanzo: la tata di casa uccide entrambi i bambini di cui si prende […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.