La lunga pazza corsa tra i Grandi Elettori e l’incubo delle schede

Non c’è solo l’incertezza dei risultati, ma anche una procedura post-elettorale complessa
La lunga pazza corsa tra i Grandi Elettori e l’incubo delle schede

La corsa, che pareva ormai orientata, è riaperta. Personaggi decisamente marginali come il direttore dell’Fbi James Comey e l’“uomo in boxer”, Anthony Weiner, sono divenuti protagonisti tanto inattesi quanto determinanti. Eppure, oltre 18 mesi di campagna elettorale – il 22 marzo 2015, Ted Cruz, senatore del Texas, repubblicano, annunciava per primo la candidatura alla nomination […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.