La lunga fuga solitaria dei bambini di strada

Minori stranieri non accompagnati - Quest’anno ne sono arrivati in Italia oltre 18 mila. Sono i bersagli più sensibili della criminalità organizzata: spaccio, prostituzione e traffico d’organi
La lunga fuga solitaria dei bambini di strada

Sette giorni su un barcone assieme ad altri 200. Il caldo. La sete. Quel mare che non finiva mai. Poi lo sbarco in Sicilia, la fuga in autobus verso Nord, la paura di venire fermati. L’arrivo a Milano: la terra promessa. Farouk è egiziano, ha da poco compiuto 14 anni. Quello dall’Egitto all’Italia è stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.