La lotta all’evasione si fa con le “lettere di cortesia”

Il nuovo sistema penalizza gli onesti: basta stare nei parametri per azzerare i controlli
La lotta all’evasione si fa con le “lettere di cortesia”

Ifamigerati e complicati studi di settore saranno sostituiti da più garbati e generici “indicatori di compliance”. Il nuovo corso varato dall’Agenzia delle Entrate e dal ministero dell’Economia all’insegna dello slogan “meno cartelle esattoriali più lettere di cortesia” è arrivato a segare il principale pilastro del cervellotico sistema di controlli anti-evasione basato sulle dichiarazioni dei redditi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.