La lenta discesa agli inferi del Venezuela, tra paese alla fame e repressione

Le leader dell’opposizione incatenate in Piazza San Pietro come appello al mondo
La lenta discesa agli inferi del Venezuela, tra paese alla fame e repressione

La tragedia del Venezuela si consuma lentamente, ma inesorabilmente. Il Paese già dichiarato in stato d’emergenza economica, si trova a esser isolato anche nel continente latino-americano dopo che, a grande maggioranza, è stato espulso dal MercoSur (l’unione degli Stati sudamericani) rifiutata dal presidente Maduro. Il segretario del Mud (Mesa de la Union Democratica, l’organismo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.