» Cinema
domenica 03/09/2017

La guerra, il cinema ancora presente di Ferreri e la coscienza di un esule

L’israeliano Samuel Maoz spiazza tra tragico e surreale. L’iraniana Neshat indaga se stessa
La guerra, il cinema ancora presente di Ferreri e la coscienza di un esule

  Foxtrot Regia: Samuel Maoz Attori principali: Lior Ashkenazi e Sarah Adler Durata: 113 min. Quattro passi di danza per spiegare il (non)senso della vita. O almeno dei meccanismi con i quali il destino produce i suoi esiti, non di rado trasmessi beffamente di genitore in figlio. Il ballo è il foxtrot, la metafora è densamente ebraica […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Sport

La Spagna umilia l’Italia. Ora i Mondiali sono a rischio

Cinema

Suburra il prequel: qualità alta e grandi autori. “Ma non aspettatevi un reportage”

A casa è un big bang di nevrosi borghesi
Cinema
Al cinema

A casa è un big bang di nevrosi borghesi

di
Donne contro: “Hanno avuto paura di non lavorare più”
Cinema
Molestie - La polemica il giorno dopo il manifesto “Dissenso comune”

Donne contro: “Hanno avuto paura di non lavorare più”

Elio e Oliver, inno alla vita dell’italiano non italiano
Cinema
Guadagnino - “Chiamami col tuo nome” in sala da giovedì

Elio e Oliver, inno alla vita dell’italiano non italiano

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×