La grandiosa Roma del Settecento ricreata da Piranesi

Fino al 15 ottobre al Palazzo Braschi più di 200 opere del maestro veneziano: utopie della Città eterna ridanno voce alle “parlanti ruine”. Dalle Vedute alle Acqueforti
La grandiosa Roma del Settecento ricreata da Piranesi

Le rovine, da sempre, parlano solo a chi le sa ascoltare. Quando nel 1740 il giovane veneziano Giovanni Battista Piranesi (1720-1778) giunge per la prima volta a Roma – in qualità di disegnatore nella spedizione diplomatica del nuovo ambasciatore veneziano Francesco Venier – ha una folgorazione. Ammiratore di Palladio nell’architettura e lettore appassionato di Tito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.