“La Gomorra-bis racconta tutte le cupe ambizioni di chi non teme la morte”

Da stasera su Sky Atlantic la seconda serie: “Non è un Romanzo criminale”
“La Gomorra-bis racconta tutte le cupe ambizioni di chi non teme la morte”

Al Liceo scientifico Armando Diaz di Caserta, tra Pietro Taricone e Marco D’Amore, c’era anche Roberto Saviano: “Aveva i capelli lunghi e lisci, lo chiamavo l’indiano. Roberto era molto più grande di me e sapeva come farsi ascoltare”. La seconda stagione di Gomorra-la serie, saggio di bravura collettiva che – sembrava impossibile – supera in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.