La Gerusalemme oscurata e sterile di Natalie Portman

A dieci anni dal progetto, arriva in sala “A Tale of Love and Darkness” della regista israeliana, tratto dal libro di Amos Oz. Ma la noia annebbia l’idea
La Gerusalemme oscurata e sterile di Natalie Portman

Ha voluto subito farne un film. Natalie Portman, israeliana e americana, è fatta così: istintiva ma razionale, sensibile ma caparbia. I testi di Amos Oz le appartengono, naturalmente, e fra questi l’autobiografia Una storia di amore e di tenebra più di tutti. Il progetto cinematografico è stato concepito quando l’attrice/regista aveva solo 26 anni – ne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.