La geopolitica si fa con i musei, soltanto l’Italia non l’ha capito

Dalla Francia all’Arabia Saudita, questa nuova stagione di nazionalismi non passa solo per le aziende ma anche per le iniziative culturali, strumento di costruzione di identità e con un potenziale commerciale

Altro che Emmanuel Macron e Donald Trump. Ben prima la questione Fincantieri o lo slogan “America first”, sono dieci anni, che la competizione tra nazioni è in auge. La prefigurazione del nuovo corso si potrebbe collocare nel 2005, con il naufragio referendario della costituzione europea. Nel 2012, l’Economist ratificò l’avvenuto cambiamento, ma da un’altra prospettiva, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.