La finzione riciclata e il dada magliarismo

La finzione riciclata e il dada magliarismo

Sullo sfondo il gazometro di Ostiense e una manciata di ragazzetti ipotizzabili creativi comunque millenials; davanti, Roberto Giachetti avvolto da una fotografia livido-lirica tipo Jeeg Robot. Faccia ispirata: “Ora tocca a te, il tuo voto è la linfa del cambiamento, la lettera d’amore a una città abbandonata”, che non sarebbe parso vero nemmeno a un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.