La fine dei Corleonesi: tra 41 bis e morti, restano macerie e un fantasma

La fine dei Corleonesi: tra 41 bis e morti, restano macerie e un fantasma

A capo di un esercito in rotta, l’ultimo “corleonese” ancora libero, Matteo Messina Denaro, latitante da venticinque anni, è custode soprattutto di segreti: il pentito Nino Giuffrè raccontò che il papello di Riina poteva essere finito nelle sue mani. E, padrone di quei segreti, il rampollo ormai 56enne è il simbolo di una stagione, quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.