La Fiat ha inquinato la cava ma non bonifica

L’azienda, condannata per aver interrato carcasse d’auto in un’area del Torinese, si oppone al risanamento
La Fiat ha inquinato la cava ma non bonifica

Ha inquinato, ma non vuole bonificare né pagare. Da anni la Fiat si oppone al risanamento dell’area Carpice, fuori Torino. Qui, nel 1967, l’azienda aveva acquistato una cava in cui aveva depositato le auto distrutte dall’alluvione di Firenze e dal 1975 gli scarti di lavorazione. Dal 2005 i nuovi proprietari e gli enti locali hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.