La escort che legge Fenoglio nella Milano di morti e papponi

Carlo Monterossi si ritrova a indagare nella città del dopo-Expo. Ma stavolta, ad accompagnare il narratore Robecchi, anche qualche fantasma
La escort che legge Fenoglio nella Milano di morti e papponi

Cosa c’è di più solo di una escort d’alto bordo che muore ammazzata nel suo scannatoio? Nulla. Se poi Anna aveva cambiato due volte identità per motivi misteriosi, tre volte nulla. Questa volta, al terzo giro, il delitto in cui va a sbattere Carlo Monterossi è un osso duro; e d’altra parte non è stato […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.