La dura vita del conduttore tv costretto ai presenzialisti seriali

Caro Furio Colombo, sono stupito della tenacia con cui si continuano a portare ministri e sottosegretari in Tv, non nel senso dell’intervista ma della partecipazione ai programmi che riguardano il loro incarico, e di cui dovrebbero parlare solo giornalisti ed esperti, per garantire un minimo di credibilità. Questa invenzione del berlusconismo non è mai finita. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.