La doppia vita di Tinto Brass che si rassegnò al lato B

È una bella soddisfazione per Tinto Brass veder festeggiati i suoi 84 anni con un ciclo della rete Cielo; e sarà ancor più soddisfatto all’idea di essere festeggiato con i suoi film peggiori, quelli che, inventando “l’erotismo d’autore” lo hanno trasformato in icona nazional-popolare. Come ben raccontato dal documentario Istinto Brass, che domenica notte ha […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.