La donna che pagò il talento con la libertà

Il museo - A 74 anni dalla morte finalmente una permanente a lei dedicata
La donna che pagò il talento con la libertà

Camille Claudel (1864-1943) è stata la più grande scultrice vissuta tra ‘800 e ‘900, eppure fino a pochi mesi fa non esisteva ancora un museo a lei dedicato. Ora la più importante collezione al mondo delle sue opere nonché di artisti a lei contemporanei (Paul Dubois, Alfred Boucher e Auguste Rodin, tra gli altri), in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.