La donna che ha perso la testa per un sottomarino

È della reporter svedese scomparsa il busto decapitato. In manette “l’intervistato”, progettista del mezzo
La donna che ha perso la testa per un sottomarino

Decapitata durante un reportage, a pochi chilometri dalla sua città natale, Trelleborg. Non sembrava più rischioso della sua precedente caccia a storie uniche tra Uganda, Cuba, Isole Marshall, Kenya e New York. Sarà stato forse questo pensiero a far abbassare la guardia alla brillante e coraggiosa giornalista svedese, Kim Wall, trent’anni, inabissatasi a bordo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.