La difesa di Romeo attacca: via i “pizzini” dal processo

Non risponde al giudice. Per i suoi avvocati gli appunti sono inutilizzabili perché nessun perito grafologico li ha esaminati
La difesa di Romeo attacca: via i “pizzini” dal processo

Altro che corruttore. Alfredo Romeo “era un emarginato all’interno della Consip. È stato fregato”. Così l’avvocato Giovanni Battista Vignola, uno dei legali dell’imprenditore campano, racconta come lavoravano le aziende di Romeo con la principale stazione appaltante d’Italia. Un rapporto in cui Romeo sarebbe stato addirittura penalizzato. Tanto che nel 2016 ha presentato un esposto in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.