La Dichiarazione: quel poco d’Europa che tutti approvano

Il trauma della Brexit viene rimosso, cauta apertura all’integrazione a più velocità. Ma Tusk si oppone
La Dichiarazione: quel poco d’Europa che tutti approvano

La nostra Unione è indivisa e indivisibile”. Con una riga i 27 capi di governo riuniti a Roma rimuovono il grande trauma iniziato con il referendum del 23 giugno e che si rinnoverà il 29 marzo, quando inizieranno i negoziati formali per la Brexit, la dimostrazione che l’Europa che ieri celebrava i 60 anni dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.