La cronaca nera, soprattutto quella spicciola, dell’altra Milano

L’autobiografia della ligéra, come una volta si chiamava la mala meneghina di quartiere, non finisce mai. Milan la cambia, Milano cambia ci dice chi la governa e chi ci vive, però il lupo perde il pelo, non il vizio. Questo capitolo, per esempio, lo potremmo intitolare: “Incastrati dai nomi”. In via D’Agrate, zona Corvetto, c’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.