La crociata del sindaco leghista nel paese con un solo migrante

La crociata del sindaco leghista nel paese con un solo migrante

“Sì, siamo noi la scusa dell’ordinanza contro i richiedenti asilo”. Pacato, Diego Stella, 53 anni, informatico, risponde senza nascondersi. Siamo a Virle (Torino), paese con circa 1.200 abitanti e un solo profugo, Mamadou, trentenne del Mali. Ha un permesso di soggiorno umanitario, ma potrebbe non bastargli a vivere tranquillo. Qui il sindaco Mattia Robasto, 25 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.