La Corte Ue boccia l’asilo: “Rifare il trattato di Dublino”

No al ricorso di una famiglia ortodossa siriana che voleva sfuggire alle persecuzioni in Belgio. L’avvocato generale: “Servono visti umanitari”. Il giurista: “Buchi nel diritto europeo”
La Corte Ue boccia l’asilo: “Rifare il trattato di Dublino”

Lo avevano chiesto perché quel visto, se pur di breve durata, avrebbe permesso a una famiglia siriana (padre, madre e tre figli piccoli) di lasciare l’inferno di Aleppo senza cadere nella filiera criminale dei trafficanti di uomini. E lo avevano fatto all’ambasciata belga di Beirut. Arrivare in Belgio era lo scopo, qui sarebbero stati ospitati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.