La Corte à la carte insiste: Emiliano non può candidarsi

Nuovo addebito della Cassazione nell’azione disciplinare al Csm: da magistrato non può correre per la segreteria Pd
La Corte à la carte insiste: Emiliano non può candidarsi

Tutto rinviato a dopo le primarie del Pd per la segreteria del partito. È finita così, ieri, l’udienza del processo disciplinare a Michele Emiliano, magistrato in aspettativa, in corsa per la guida dei democratici, nonché presidente della Regione Puglia. Ed è proprio per la sua attività politica che è finito davanti ai giudici del Csm, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.