La Convenzione governo-Rai e l’ennesimo rischio censura

“La tv di Stato dovrà combatterle, ne parlerà la Vigilanza”, dice il renziano Anzaldi, che propone il poco felice esempio francese
La Convenzione governo-Rai e l’ennesimo rischio censura

Il governo venerdì ha rinnovato, dopo un paio di decenni, la Convenzione attraverso la quale concede il contratto di servizio pubblico alla Rai (in sostanza, la tv di Stato s’impegna a fare certe cose in cambio del canone). Aggiornarsi ai tempi è sempre una cosa buona, per carità, ma c’è pure sempre il rischio che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.