La Confindustria agli ordini della banda (all’insaputa di Boccia)

Da dieci anni l’imprenditore accusato di associazione per delinquere usava il vessillo dell’antimafia per spadroneggiare. E i capi hanno messo a tacere chi lo ha denunciato
La Confindustria agli ordini della banda (all’insaputa di Boccia)

Forse la Confindustria è già morta e non lo sa. Arrestano per associazione a delinquere un pezzo da novanta come Antonello Montante e il capo della sicurezza Diego Di Simone. E il presidente Vincenzo Boccia dice: “È un fulmine a ciel sereno”. Essendo Montante indagato da tre anni, ci voleva tanto a vedere le nubi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.