» Commenti
venerdì 24/11/2017

La classe disagiata dei perdenti colti

La quantità di risorse di cui possiamo godere – e di bisogni che possiamo soddisfare – dipende ormai soltanto dal riconoscimento sociale che riusciamo a ottenere. Tutti lo inseguono, pochi lo ottengono
La classe disagiata dei perdenti colti

“La mia educazione mi ha nuociuto in molti sensi”: lo scrive Franz Kafka nei suoi Diari. E poi nel racconto La metamorfosi si mette in scena sotto forma di un gigantesco scarafaggio, odiato e incompreso. In effetti la cultura è contemporaneamente un privilegio e una condanna. Privilegio perché la può accumulare soltanto chi può permettersi di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

“I colleghi in Comune coprono il consigliere dell’insulto sessista”

Mondo

“Riconoscerete il nostro voto? Madrid e Ue dicano sì o no”

Commenti
cosa resterà...

La Madonna del presepe vivente

di
Commenti
Il CHIERICO VAGANTE

La governatrice umbra Marini e le “colonne” della massoneria

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×