La classe disagiata dei perdenti colti

La quantità di risorse di cui possiamo godere – e di bisogni che possiamo soddisfare – dipende ormai soltanto dal riconoscimento sociale che riusciamo a ottenere. Tutti lo inseguono, pochi lo ottengono
La classe disagiata dei perdenti colti

“La mia educazione mi ha nuociuto in molti sensi”: lo scrive Franz Kafka nei suoi Diari. E poi nel racconto La metamorfosi si mette in scena sotto forma di un gigantesco scarafaggio, odiato e incompreso. In effetti la cultura è contemporaneamente un privilegio e una condanna. Privilegio perché la può accumulare soltanto chi può permettersi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.