La citrulla pensata di una scuola milanese di “cancellare” il Natale

Per non urtare la sensibilità di chi non festeggia, la “Italo Calvino” propone “La grande Festa delle Buone Feste”

Le notti che precedono il Natale “sono intensamente erotiche”. Lo ripeteva Gabriele d’Annunzio, e non con intento blasfemo, anzi: il poeta de Il Piacere descriveva l’intimità, il raccoglimento e l’esaltazione del desiderio carnale in un contesto tutto di ceppi messi ad ardere nel camino e di affrettati ritorni tra le mura di casa, infreddoliti, vogliosi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.