La Chiesa di Francesco non rinuncia all’omofobia

Bergoglio tiene una linea compassionevole verso i gay, ma non si muove di un centimetro dalla posizione di condanna assoluta dei loro comportamenti prevista dal catechismo di Wojtyla

Di ritorno dall’Armenia, sollecitato da una giornalista che gli ha chiesto di commentare un’affermazione del cardinal Reinhard Marx, il Papa è tornato sull’atteggiamento della Chiesa verso gli omosessuali, ripetendo, con un tantino di autocompiaciuta consapevolezza, la fortunata frase “chi siamo noi per giudicare?” e aggiungendo che l’istituzione religiosa di cui è il capo dovrebbe chiedere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.