“La canzone ‘A voi romani’ è la mia Lettera scarlatta”

Dal suo esordio sono passati quasi 40 anni: una carriera sempre all’insegna della ricerca e della sperimentazione
“La canzone ‘A voi romani’ è la mia Lettera scarlatta”

Dal suo esordio sono passati quasi quarant’anni, e nella sua vita Alberto Fortis ha viaggiato a lungo, vissuto negli Stati Uniti, lavorato con il produttore dei Beatles; ha partecipato a un reality, frequentato i nativi d’America, ballato la danza della pioggia, e ancora. Sono passati quasi quarant’anni e ancora oggi “A voi romani resta per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.