La campagna sottotono di Renzi e la confusione di un Pd disunito

Strategia - Il premier non vuole associarsi alle sconfitte
La campagna sottotono di Renzi e la confusione di un Pd disunito

Niente comizi in vista delle amministrative nell’agenda di Matteo Renzi: la campagna elettorale per le città potrebbe iniziare l’ultima settimana prima del voto. O direttamente durante i ballottaggi. Per adesso, il segretario-premier si guarda bene dall’impegnarsi nella sfida di giugno. “È un voto sui sindaci, mica su di me”, ha detto più volte. Affermazione che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.