La bomba contro il Borussia serviva a speculare in Borsa

La bomba contro il Borussia serviva a speculare in Borsa

Il terrorismo non c’entra. Sergej W., 28 anni, arrestato con l’accusa di aver compiuto l’attentato contro l’autobus del Borussia Dortmund – feriti un giocatore e un poliziotto – ha agito per motivi finanziari: voleva speculare in Borsa prevedendo che le azioni della squadra sarebbero scese dopo l’attacco. L’arrestato ha doppia cittadinanza tedesca e russa, è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.