“La Bella e la Bestia”, un’altra copia troppo grande per fallire

Negli Usa ci si chiede se sia il musical più costoso della storia del cinema (sì) e già si sa che ha tutti i crismi del successone: ad esempio, Emma Watson
“La Bella e la Bestia”, un’altra copia troppo grande per fallire

La Bella e la Bestia fa primavera, altroché. Tenetevi forte, perché il sonno della creatività genera doppioni, e la versione live-action (attori in carne e ossa) del celebre cartoon Disney farà presto proseliti. Anzi, li ha già fatti. Costretta a fronteggiare una carenza di idee originali sempre più evidente – ultimo riscontro, l’assenza di produzioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.