La battaglia delle donne per le parole

Non vi piace ministra? Fatevene una ragione. Vi ci abituerete. Se un ministro è donna, è una ministra. Se un sindaco è di sesso femminile non può essere un sindaco, ma una sindaca. Le parole hanno un senso, seguono una logica e sono importanti. Non è solo una moda o una questione di politicamente corretto. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.