» Economia
giovedì 30/03/2017

La Basilicata ora si sveglia: serbatoi colabrodo dell’Eni

A Viggiano - La Regione diffida l’azienda e chiede il blocco del centro oli per il rischio contaminazione e di altri sversamenti. Ma il Tar ferma tutto
La Basilicata ora si sveglia: serbatoi colabrodo dell’Eni

Il Centro oli di Viggiano in Basilicata è un colabrodo e potrebbe aver contaminato anche aree esterne all’impianto. E a dirlo è proprio la Regione. In Basilicata continua la guerra sul petrolio e questo capitolo si combatte con diffide, analisi, ricorsi, allarmi, serbatoi e perdite. Il fulcro è sempre il Cova, il Centro oli della […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Luciano Violante, la Magna Charta degli impuniti

Economia

“Con De Magistris a Napoli c’è il risorgimento”

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×