La Basilicata ora si sveglia: serbatoi colabrodo dell’Eni

A Viggiano - La Regione diffida l’azienda e chiede il blocco del centro oli per il rischio contaminazione e di altri sversamenti. Ma il Tar ferma tutto
La Basilicata ora si sveglia: serbatoi colabrodo dell’Eni

Il Centro oli di Viggiano in Basilicata è un colabrodo e potrebbe aver contaminato anche aree esterne all’impianto. E a dirlo è proprio la Regione. In Basilicata continua la guerra sul petrolio e questo capitolo si combatte con diffide, analisi, ricorsi, allarmi, serbatoi e perdite. Il fulcro è sempre il Cova, il Centro oli della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.