L’8 marzo e i vecchi adagi “rispolverati” dalla protesta di piazza

Ho sempre pensato che esistessero “persone”. Certo, subisco – come quasi tutti – il fascino dell’integralismo; e quindi mi viene naturale dividere il mondo in buoni e cattivi, intelligenti e stupidi, simpatici e antipatici. Recentemente – confesso – mi viene difficile evitare di distinguere tra religioni innocue e religioni criminogene; però me ne vergogno un po’; […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.