Krimsky, il ponte di Putin unisce Crimea e Caucaso alla faccia dell’Ucraina

Ritmi stakanovisti, 10 mila operai hanno concluso l’opera con 6 mesi d’anticipo
Krimsky, il ponte di Putin unisce Crimea e Caucaso alla faccia dell’Ucraina

Il primo camion che ieri ha attraversato lo stretto di Kerch era un kamaz arancione. Alla guida c’era il presidente della Federazione russa. Sotto le sue ruote c’era il nuovo ponte Krimsky, una metafora dei suoi 18 anni di governo, simbolo della sua era. Sopra le onde dell’Azov da ieri sorge il ponte di Vladimir […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.