Kamikaze anche sui profughi

Autobomba a Rashidin, i pullman pieni di civili fuggiti dalla battaglia nei villaggi fra Hezbollah e jihadisti investiti dall’esplosione, ed è guerra nelle cifre: da 40 a 100 morti
Kamikaze anche sui profughi

La vita, seppur da profughi costretti ad abbandonare le proprie case, sembrava riagguantata per un soffio. A Rashidin, vicino ad Aleppo, ieri erano giunti i convogli di pullman provenienti da quattro località siriane assediate e che erano state svuotate in base a un accordo tra gli Hezbollah libanesi e l’ala siriana di al Qaeda. Ma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.