Kamikaze alla stazione, strage sfiorata a Bruxelles

Attentatore suicida tenta di farsi saltare in aria ma le forze di sicurezza lo neutralizzano. Caccia a 2 sospetti. Capitale belga bloccata e sotto choc
Kamikaze alla stazione, strage sfiorata a Bruxelles

Il grido risuona nella stazione “Allah Akbar”, dio è grande, l’invocazione che precede il sacrificio del Jihad. Ma l’esplosione che segue le parole del kamikaze non è che un piccolo fuoco che non produce vittime, né danni. E il presunto attentatore – dopo aver annunciato che “i jihadisti esistono ancora” – viene “neutralizzato” (ovvero ferito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.