Johanna, la donna che rese immortale Vincent van Gogh

La cognata del pittore, moglie di suo fratello Theo (morto sei mesi dopo il suicidio dell’artista), ha conservato l’epistolario ed esposto le tele per farle conoscere
Johanna, la donna che rese immortale Vincent van Gogh

La verità è che furono, l’uno per l’altro, l’unico amore della propria esistenza. È il settembre del 1891 – sono trascorsi nove mesi dalla morte del marito Theo e più di un anno dal suicidio del cognato, il pittore Vincent – e Johanna van Gogh-Bonger, dopo aver letto la corrispondenza privata tra i fratelli Théodorus […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.