Jihad e reclutatoti. S’indaga sulla rete di Sesto S. Giovanni

Legami - L’Antiterrorismo monitora un gruppo di maghrebini che fa opera di radicalizzazione nel Comune dove è stato ucciso Anis Amri
Jihad e reclutatoti. S’indaga sulla rete di Sesto S. Giovanni

Oltre viale Zara, lungo il viale Fulvio Testi, Milano alle spalle, a destra inizia il Comune di Sesto San Giovanni, l’ex Stalingrado d’Italia. Carri ponti dell’enorme stabilimento Falck incorniciano il passaggio per viale Italia. Geografia urbana stretta, tortuosa. Pochi metri e Sesto San Giovanni diventa Cinisello Balsamo. Hinterland di capannoni ed edilizia popolare. Qui in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.