James Levine, fine ingloriosa di un artista

Dice Brecht che sono fortunate quelle nazioni che non hanno bisogno di eroi. Non sono d’accordo. Di eroi tutti abbiamo bisogno perché sventurate sono quelle nazioni nelle quali il moralismo, l’ipocrisia, in fondo il fanatismo, prevalgono. Abbiamo letto che nel 1985 il maestro James Levine avrebbe adescato un ragazzo di quindici anni per avervi rapporti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.