Jackie, la più amata perfino nello Chanel sporco di sangue

Presentato a Venezia, in sala a fine gennaio, l’opera del cileno Larraín racconta la moglie di Jfk: elegante, ammirata eppure poco conosciuta
Jackie, la più amata perfino nello Chanel sporco di sangue

Post mortem. Una sfida, un’ossessione o semplicemente una casualità. Pablo Larraín, cileno, 40 anni e talento cristallino, ha il coraggio di cambiare lingua e Paese pur rimanendo sempre se stesso. Il suo è un cinema che scava fino a profondità viscerali, tanto racconti del popolo orfano di Salvador Allende quanto della vedova di JFK. Jackie, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.