Italicum e referendum: C’eravamo tanto sbagliati

L’idillio tra il premier e la grande stampa è finito, ora Matteo apre alle modifiche che rifiutava. E non sogna più di trasformare in plebiscito il voto sulla Carta
Italicum e referendum: C’eravamo tanto sbagliati

Adesso è un diluvio: cambiare l’Italicum, “spacchettare” il referendum, “spersonalizzare” il voto sulla Carta costituzionale. L’idillio tra Matteo Renzi e la grande stampa s’è incrinato rapidamente. Ora il premier mette da parte la spavalderia e si dice disponibile a cambiare tutto. Perse le amministrative, svanita l’aura del vincente, il carro del toscano s’è svuotato, preso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.